Speciale Centenario



I Marinai nella memoria collettiva della città

la poetessa messinese Maria Costa

"La voce del mare" è stata definita a Messina Maria Costa, poetessa popolare custode di una tradizione e di una lingua che l'apocalittico terremoto del 1908 tentarono di far scomparire per sempre. La mamma di Maria Costa sopravvisse e la città ebbe la fortuna di trovare nella voce della poetessa chi potesse cantare e trasmettere un patrimonio inestimabile, quello della memoria collettiva della città.
Vi presentiamo due poesie sul terremoto, una in italiano e l'altra in dialetto messinese. Nella prima sono le ultime due strofe ad essere dedicate ai marinai russi; nella seconda tutta la penultima strofa.




28 Dicembre 1908

Cambiò di spalla
Colapesce,
quel nefando mattino

Sussultò la terra,
in ruina infernale,
flagello,
giudizio universale.

Tu, prostrata,
sventurata,
naufragasti in macerie,
gemiti, smarrimento,
lamento,miasmi,
e fu schianto e fu pianto;
Madonna di dolore.

Pianse il Tamigi,
il Don e l'Eufrate;
oh Messana.
Città di Fata Morgana,
miti e leggende.

L'alba spettrale,
ti fasciò di gramaglie,
dai picchi alla marina,
ma dai mari glaciali,
primiera salpò la schiera,
dai pompon rosso corallo e
solini azzurro intenso.

Voi, russi fratelli,
foste balsamo, malva,
unguento, linimento,
infuso e decotto,
alle ferite dell'anima,
di quel Dicembre
milenovecentotto!

Maria Costa

Messina, 2006

***
TIRRIIMOTU TI MITTISTI IN MOTU
"Radames! Radames! Aida!
Del mio pensiero tu sei regina
Tu di mia vita sei lo splendor!"

Chi su' sti battimani a uragani?
Matri!
Chi su' sti fraiddi disumani?
Cola! Cola canciau di spadda,
s'allitiau a cità versu l'abissu.

Quanta amarumi!
Di coppu ruspigghiati
matri dispirati
matri spilanati
trafitti e scunsulati.

Facci piatusi
ppsi â cruci,
motti usciati,
motti a sciobba-vigni,
motti ncastrati,
motti scafazzati,
motti nfigatati,
motti a ndrinucchiuni,
motti a mpennuliuni,
manciati di muscuni,
motti a tunnillati,
motti accatastati
ô fossu sciddicati.

Giummi russi,
figghi e Urali,
figghi tracannali,
mani sudati,
mani mpivvirazzati,
mani travagghiati,
mani nzaguliati,
mani ssuccariati,
mani affritti,
mani,mani,mani, mani biniditti.

S'arrivatau lu munnu
nta tranta e un secunnu
e fu stràziu e ruina
pâ pòvira Missina.
Ma i na sciangazzedda
unni a matina nesci a spera divina
na spera santa i luvanti
splinnìa comu brillanti.
Arrancava la vita!

Maria Costa



[Traduzione in italiano]

1908. TERREMOTO TI SEI MESSO IN MOTO - "Radames! Radames! Aida! / Del mio pensiero tu sei regina / tu di mia vita sei lo splendori" // Che sono questi battimani ad uragani? / Madre! / Che sono queste scintille disumane? / Cola! Cola ha cambiato di spalla, / si è sprofondata la città verso l'abisso. // Quanta amarezza! I Di colpo svegliate / madri disperate / mani affilate / trafitte e sconsolate. // Facce pietose / appese alla croce, / morti gonfi, / morti a spaventapasseri, / morti incastrati, / morti schiacciati, / morti infegatati, / morti a ginocchioni, / morti penzolanti / divorati dai mosconi, / morti a tonnellate, / morti accatastati / al fossato scivolati. // Fiocchi rossi, / figli e Urali / figli aitanti, / mani sudate, / mani impolverate, / mani laboriose, / mani insanguinate, / mani sfinite, / mani afflitte, / mani, mani, mani, mani benedette. // Si è rivoltato il mondo / in trenta e un secondo / e fu strazio e rovina / per la povera Messina. / Ma da una fessurina / dove la mattina esce la spera divina / una spera santa da levante / splendeva come brillante. // Arrancava la vita!

Joomla templates by a4joomla