I tristissimi e angoscianti fatti di Beslan ci hanno posto a tutti delle domande. Dei perché laceranti: come si può arrivare a tanto?Abbiamo aspettato qualche giorno prima di dire anche noi la nostra. Adesso lo facciamo, proponendovi questa fredda ma lucidissima analisi di Giulietto Chiesa. Forse il noto giornalista si sbaglierà nell’additare il nome di qualche potente dentro e fuori la Russia, ma la sostanza dal 1991 ad oggi rimane la stessa e cioè che c’è chi “lavora” allo sfaldamento della Russia, a fargli dimenticare una volta per sempre di essere stata grande. Fanno un po’ sorridere certe analisi di politici e osservatori che in questi anni hanno invitato e invitano la Russia a guardare con fiducia all’Occidente, dal quale “nulla deve temere” …. “la guerra fredda è finita” … Balle! Sarà finita quella fredda, ma è iniziata quella vera, quella asimmetrica, fatta di attacchi solo apparentemente non riconducibili alla Russia in quanto tale. Putin non può dirlo apertamente, conosce bene la debolezza della sua Russia, ma lo fa capire: “Alcuni vogliono strapparci un boccone di lardo, altri li aiutano perché considerano la Russia ancora una minaccia e vorrebbero liquidarla”. I modi di Putin potranno non piacere (e non ci piacciono), ma non c’è dubbio che la Russia sia attualmente un colabrodo e questo può piacere solo a chi non la ama. (G.I.- Russianecho)

PEACELINK INTERVISTA GIULIETTO CHIESA

di Enrico Piovesana

Nei suoi articoli e nelle sue interviste di questi ultimi giorni sulla tragica vicenda di Beslan lei ha sostenuto che dietro il sequestro della scuola non ci sarebbe solo l’ala fondamentalista del separatismo ceceno, quella che fa capo a Shamil Basayev, e che tantomeno sia il caso di tirare in ballo al-Qaeda. Ci può spiegare meglio quali sono secondo lei i mandanti occulti di quella azione terroristica?

Che gli esecutori materiali del sequestro facciano capo al fanatico leader integralista islamico ceceno Shamil Basayev non v’è alcun dubbio. Ma dietro di lui non c’è la rete terroristica internazionale di Osama Bin Laden, come affermano sia il Cremlino che i media occidentali...

Dietro a Basayev c’è, come c’è sempre stato, un uomo potentissimo e temibilissimo: Boris Berezovsky, il gran capo dei cosiddetti ‘oligarchi’ anti-putiniani, che dal suo dorato esilio londinese guida una guerra senza quartiere contro l’uomo che lui stesso ha contribuito a mandare al potere e che poi, una volta al Cremlino, lo ha tradito.

Potrebbe ricordarci chi è questo Berezovsky, com’è evoluto il suo rapporto con Putin fino a diventare così tremendamente conflittuale e quali legami ci sono tra lui e Basayev?

E’ una storia un po’ complicata, ma merita di essere ripercorsa. E’ la storia stessa della Russia di oggi e del durissimo scontro di potere che la sta dilaniando, quella che vede da una parte Putin e la sua corte di ex agenti del Kgb nostalgici dei tempi andati e fedeli allo spirito della “Grande Russia”, e dall’altra Berezovsky e gli altri oligarchi e mafiosi russi arricchitisi nell’era Eltsin. Un’èlite tradizionalmente filo-occidentale che dopo un decennio di potere assoluto pensava di poter rimanere sulla cresta dell’onda anche con Putin.

E invece avevano fatto male i conti?

Sì. Questi ricchissimi e potentissimi signori, appoggiati da chi in Occidente voleva che la Russia divenisse un ricco mercato rimanendo però politicamente debole e inoffensiva, pensavano di poter manovrare Putin come avevano fatto con Eltsin, continuando a fare affari d’oro e a farli fare ai loro amici occidentali. Per questo Berezovsky, arricchitosi illegalmente con la privatizzazione della compagnia aerea Aeroflot e con la televisione di Stato russa Ort, fece di tutto nel 1999 per portare Putin al Cremlino. Fu lui, come venne fuori in seguito da alcune intercettazioni telefoniche, a finanziare l’ex agente segreto ceceno Shamil Basayev permettendogli di comprare le armi e le connivenze adeguate per compiere, nell’agosto ’99, l’incursione guerrigliera in Dagestan che, assieme ai quasi contemporanei attentati di Mosca, fornì a Putin il pretesto per scatenare la seconda guerra cecena. Una guerra che lo mise in luce come il salvatore della Patria e che fu il suo trampolino di lancio verso il Cremlino.

Basayev era un agente dei servizi segreti russi?

Certo! Era un agente del Gru, il servizio segreto militare russo. La sua missione principale in passato per conto del Cremlino era stata quella di sostenere la rivolta separatista in Abkhazia (Georgia) all’inizio degli anni Novanta e di dirigere poi gli apparati di sicurezza della neonata repubblica indipendente d’Abkhazia.

Ma torniamo a Putin. Cosa accadde tra lui e Berezovsky dopo il suo arrivo al Cremlino?

La riconoscenza di Putin, eletto trionfalmente come presidente di guerra, nei confronti di Berezovsky durò molto poco. Il nuovo zar dagli occhi di ghiaccio non voleva essere un fantoccio nelle mani degli oligarchi, dei mafiosi e dei loro amici occidentali. Il suo programma fu chiaro fin da subito: restaurare la potenza della “Grande Russia” accentrando tutti i poteri nelle sue mani e in quelle dei suoi fedelissimi, e dunque togliendo di mezzo gli oligarchi. Il loro leader, Berezovsky, fu il primo obiettivo. L’arma usata, come avverrà anche in seguito (si veda il caso Kodorkovsky-Yukos), fu quella giudiziaria. Accusato di corruzione per la gestione degli utili Aeroflot a Berezovsky non rimase altra scelta: il carcere o l’esilio. Scelse di fuggire a Londra, da dove iniziò la sua guerra per abbattere colui che lo aveva tradito. Una guerra combattuta con un’arma già sperimentata: il sostegno al terrorismo ceceno. Un’arma cinica volta a destabilizzare la Russia e a dimostrare che Putin non è più in grado di fare quello per cui era stato eletto: garantire la sicurezza dei russi. Una spietata guerra per il potere combattuta sulla pelle della popolazione russa e di quella cecena. Una guerra che Berezovsky combatte con interessati aiuti stranieri.

A chi si riferisce?

Mi riferisco ai servizi segreti occidentali di quei paesi, Stati Uniti in testa, che hanno sempre sostenuto l’oligarchia eltsiniana non solo perché questa garantisce affari facili nel mercato russo ma perché costituisce una garanzia contro il rischio di una Russia stabile e potente, un’eventualità che spaventa molto l’Occidente. Sarà poi solo una coincidenza, ma dopo Beslan il gradimento del presidente americano Bush è salito di undici punti percentuali.

Quindi, in conclusione, chi ci sarebbe dietro al sequestro nella scuola di Beslan?


Per compiere azioni come quella di Belsan ci vuole la manodopera, che è cecena ma che potrebbe anche essere di altre nazionalità caucasiche, i soldi, che sono di Berezovsky e dei suoi amici oligarchi e mafiosi, e l’organizzazione logistica. Quest’ultima può essere gestita in parte con la corruzione della autorità locali, ma necessita anche di un livello di organizzazione superiore. E secondo me qui entra in ballo lo zampino di qualche servizio segreto occidentale. Non ho elementi per provarlo, ma sono certo che è così. E lo è pure Putin, anche se non lo dice esplicitamente. Ma è questo che intendeva secondo me quando, nel suo ultimo discorso alla nazione, ha parlato di “forze esterne” che minacciano la stabilità della Russia.

Non ritiene che questa sua spiegazione dei fatti finisca per fare troppo il gioco di Putin, che comunque ha delle gravi responsabilità per il modo in cui gestisce la crisi cecena, per le brutalità che i militari russi hanno compiuto e stanno compiendo in Cecenia?


Mi rendo conto che quello che dico possa far piacere al Cremlino. Ma a me questo non interessa, non è certo mio interesse adulare Putin. Io dico solo quello che so, quello che capisco in base alla mia esperienza in merito a queste faccende. Se la verità finisce per favorire Putin non è affar mio.

Già, la verità. Sembra che la prima vittima della tragedia di Belsan sia stata proprio la verità, vista la censura che le autorità russe hanno imposto ai giornalisti ‘non allineati’ che stavano cercando di andare in Ossezia: Anna Politkovskaya (Novaya Gazeta) avvelenata in aereo, Andrei Babitsky (Radio Free Europe) arrestato per teppismo, Amro Abdel Hamid (Al-Arabiya) arrestato all’aeroporto, due reporter georgiani (Rustavi 2) fermati a Beslan. Cosa ne pensa?

La censura della libertà di stampa è una delle più importanti ed efficaci armi con cui Putin combatte la sua guerra per il controllo dell’opinione pubblica russa e mondiale, che non vuole venga influenzata da giornalisti “liberali” vicini all’ambiente degli oligarchi e quelli dei gruppi di pressione occidentali.

dal sito www.giuliettochiesa.it

 

Per approfondimenti vedi anche "La palude di Vladimir Putin" (Megachip 10/9/2004)

Gli altri articoli del sito sull’argomento:

“Cecenia: a chi non piace la pace?” (febbraio 2004)

“Gli untori della guerra” (luglio 2003)

“Cinque miti sui Ceceni” (settembre 2002)

“L’altra faccia della guerra in Cecenia” (febbraio 2002)

Pin It
Joomla templates by a4joomla