Stampa
Categoria: La Russia a Messina

Firmato un protocollo di intesa

La Flotta del Mar Baltico... C'è un suggello impresso nei cuori dei messinesi, quelli che sopravvissero al sisma del 1908, che il tempo non poté mai cancellare. Nell'ora dell'immane tragedia, il destino volle che i marinai russi si trovassero fianco a fianco con i superstiti, con la gente, che in loro trovò eroico soccorso e consolazione. Le "culla" di quelle navi è Kronštadt, un'isola fortezza (oggi dichiarata dall'UNESCO patrimonio culturale dell'umanità) di fronte a San Pietroburgo.

Non stupiscono quindi gli odierni approcci delle rispettive amministrazioni e non stupisce che l'iniziativa arrivi dal mondo della cultura, da una studiosa dell'università di Messina, Tatiana Ostakhova, che proprio un libro ha dedicato a quei giorni e a quei marinai.

Nella delegazione russa non a caso era presente Andrej Ljalin, direttore del Museo Centrale della Marina Militare di San Pietroburgo, dove si conservano le testimonianze, i “cimeli” della spedizione di Messina. Non c'è infatti miglior cemento per fondare e saldare un'amicizia – ha sottolineato Ljalin - di quello della cultura e della memoria. Anche per questo era presente ai colloqui di lavoro fra le delegazioni, da parte messinese, Alexandra Voitenko, presidente dell'Associazione Culturale “Messina-Russia”.

Il protocollo di intesa è stato firmato, in un clima di grande e affettuosa cordialità, dal presidente della Provincia Regionale, on Giovanni Ricevuto e dal capo dell'Amministrazione del Distretto di Kronštadt, Aleksandr Goroško; ha partecipato anche il Console Generale della Federazione Russa di Palermo, Michail Kolombet. Sottoscritti un'ampia gamma di intenti, l'impegno a sviluppare conoscenze, collaborazioni nei settori più diversi: dal quello industriale, dei trasporti, della cantieristica navale a quello scientifico, delle ricerca tecnologica, degli scambi fra istituti di istruzione ed altro. Gli esponenti del mondo imprenditoriale e turistico messinese (rappresentati dai vertici degli ordini e delle associazioni di categoria) si sono dimostrati molto attenti alle proposte di collaborazione da parte russa ed hanno illustrato da parte loro le ricchezze e le potenzialità del territorio e le risorse umane che in esso vi operano.

Per fine luglio è stato fissato l'appuntamento a Kronštadt, per dare maggiore concretezza agli impegni presi e forse per firmare già l'accordo che sancirà il gemellaggio ufficiale. Staremo a vedere.

 

Giuseppe Iannello